home Atti terroristici, paura La paura di avere paura. La paura del terrorismo

La paura di avere paura. La paura del terrorismo

Dopo l’ultimo attacco terroristico a Londra, gli immediati sondaggi effettuati tra la popolazione europea parlano di un esponenziale aumento della percezione di paura diffusa. O meglio, sarebbe a dire, della paura di avere paura.

Il timore di poter essere vittima di un attacco terroristico improvviso ed indifferenziato induce molti ad evitare di mettersi in viaggio, di confermare le vacanze già prenotate o addirittura di iniziare corsi di studio lontani. Soprattutto se per raggiungere le proprie mete è necessario imbarcarsi su un aereo.

Paura dell’ignoto, di qualcosa che non riusciamo a controllare e che non conosciamo, se non per quello che leggiamo sui giornali o che veicolano i mass-media.

Psicologicamente il fenomeno è pienamente comprensibile e studiato, atteso che la paura stessa è un catalizzatore primario di reazioni cerebrali  e può generare ansia, angoscia, agitazione e preoccupazioni.

Cosa possiamo fare?

Dobbiamo riuscire a controllare e a gestire la paura di un attacco terroristico, trovare nuovi stimoli per guardare con fiducia al futuro ed alla nostra quotidianeità.  Ma come si può fare? Quali sono gli step che possono portare a superare il più umano dei sentimenti negativi, la paura di un attacco terroristico vicino a NOI, la paura di morire?

  • In primo luogo dobbiamo avere la consapevolezza che la paura è umana ma la paura di avere paura non ci appartiene.
  • Dalla paura scaturisce la capacità di resilienza e di trovare le soluzioni per superare l’ostacolo al quale è connessa, l’importante è non farsi sopraffare, ed utilizzarla per fare meglio, per essere più propositivi e non disfattisti.
  • Un vecchio proverbio sufi dice: “La paura guardata in faccia si trasforma in coraggio”, conosciamo la nostra paura per affrontarla meglio e essere più forti.
  • Riuscire a non farsi condizionare dalla paura, continuando la nostra vita, con attenzione, ma senza lasciarsi andare, senza rinunciare alle nostre attività quotidiane in città o ai nostri viaggi.
  • Imparare a riconoscere la paura reale da una paura fatta di suggestioni. Perché se conosco ciò che mi spaventa e so come affrontarlo posso affermare con sicurezza: “io non ho paura”.
  • La paura del terrorismo richiama inevitabilmente la paura della morte. Paura con la quale dobbiamo fare i conti e riflettere per migliorare la nostra vita e dedicarci al nostro benessere.
  • Imparare a conoscere la paura, le sue dinamiche ed imparare a gestirla, è il migliore strumento per riuscire a sconfiggere coloro che ci vogliono spaventare e rendere la nostra vita impossibile da vivere.

Vedi anche:

Nuovamente attentati terroristici. Nuovamente vittime innocenti.

 

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*