home Varie Giornata mondiale contro l’HIV e AIDS

Giornata mondiale contro l’HIV e AIDS

Il 1 ° dicembre di ogni anno si svolge la Giornata mondiale contro l’HIV e l’AIDS, dedicata alle numerose vittime dell’AIDS, ma soprattutto alla consapevolezza contro l’HIV e l’AIDS.

Questo giorno è una porta aperta per conoscere le realtà e la verità sull’HIV.

L’AIDS è una sindrome da immunodeficienza acquisita e indica una condizione che si verifica a causa del danno causato al sistema immunitario dal virus HIV(virus da immunodeficienza umana).

È stata individuata per la prima volta nel 1981 e il termine “AIDS” è stato utilizzata per la prima volta l’anno successivo, il 27 luglio.

L’HIV è un’infezione trasmessa sessualmente. Può essere diffusa anche per contatto con sangue infetto o da madre a figlio durante la gravidanza, il parto e l’allattamento.

Possono volerci anni prima che l’HIV indebolisca il sistema immunitario fino al punto da divenire AIDS.

Come si trasmette l’HIV?

L’infezione da HIV si trasmette tramite contatto con sangue infetto, sperma o secrezioni vaginali.

Il contagio può avvenire in diversi modi:

Praticando sesso non protettocon un partner infetto, con il quale si intrattengono rapporti vaginali, anali o orali il cui sangue, sperma o secrezioni vaginali vengono a contatto diretto con le mucose del tuo corpo.

Da trasfusioni di sangue. In alcuni casi il virus può essere trasmesso attraverso trasfusioni di sangue. Gli ospedali e le banche del sangue oggi controllano ogni sacca di sangue, per verificare l’eventuale presenza gli anticorpi del virus dell’HIV, pertanto il rischio di trasmissione con questa modalità è ridotto al minimo.

Condividendo aghi da iniezione. La condivisione di strumenti quali aghi ipodermici, il cui utilizzo è spesso messo in correlazione con l’assunzione di droghe per via endovenosa,  pone dinanzi ad un alto rischio di contrarre l’HIV e altre malattie infettive, quali, ad esempio, l’epatite.

Durante la gravidanza, il parto o l’allattamento. Le madri portatrici di infezione da HIV possono trasmettere il virus ai loro bambini. Le madri sieropositive che ricevono cure per l’infezione durante la gravidanza possono, però, ridurre significativamente il rischio per i loro bambini.

L’HIV non si trasmette:

  • con il normale contatto fisico. Ciò significa che non si può assolutamente contrarre l’HIV o l’AIDS abbracciando, baciando (se non si hanno ferite in bocca), ballando o stringendo la mano a qualcuno che presenti l’infezione.
  • L’HIV non si diffonde attraverso l’aria, l’acqua o con punture di insetti.

Fattori di rischio

Quando l’HIV / AIDS apparve per la prima volta negli Stati Uniti, colpì principalmente gli uomini che facevano sesso con uomini. Tuttavia, ora è chiaro che l’HIV si diffonde anche attraverso i rapporti eterosessuali.

Chiunque di qualsiasi età, razza, sesso o orientamento sessuale può contrarre l’infezione in caso di comportamenti a rischio.

Tuttavia, si è a rischio di HIV / AIDS se:

si hanno rapporti sessuali non protetti. Bisogna sempre usare un nuovo preservativo in lattice o poliuretano ogni volta che si fa sesso con un partner non abituale o che comunque non si sospetti possa essere infetto. Il sesso anale è più rischioso del sesso vaginale. Il rischio di HIV aumenta se si hanno più partner sessuali.

Molte malattie sessualmente trasmissibili producono piaghe aperte sui genitali. Queste piaghe fungono da porte per l’HIV.

Le persone che usano droghe per via endovenosa spesso condividono aghi e siringhe. Questo è un comportamento ad alto rischio.

Non c’è cura per l’HIV / AIDS, ma ci sono farmaci che possono rallentare la progressione della malattia. Questi farmaci hanno ridotto la mortalità da AIDS in molte delle Nazioni più sviluppate.

I simboli

Il simbolo della lotta contro l’HIV/AIDS è il fiocchetto rosso!

Ciascuno di noi può mostrare il proprio aiuto per le persone che convivono con l’HIV nel corso della Giornata Mondiale contro l’AIDS, indossando una striscia rossa, emblema universale della consapevolezza e del sostegno alla lotta contro l’HIV.

Cosa possiamo fare per prevenire l’HIV?

Ricordiamo sempre che l’AIDS esiste, anche se non se ne parla più tanto, e che continua a diffondersi in tutto il mondo, ci sono 36 milioni di persone nel mondo infette da HIV.

EVITIAMO di adottare COMPORTAMENTI A RISCHIO, come quelli evidenziati nelle righe precedenti.

Ricordiamo che non esistono persone a rischio ma comportamenti a rischio!!!

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*